16.2 C
Orvieto
Maggio 20, 2019
Image default

Orvieto – La Ceramica Orvietana

La lavorazione di argilla e terracotta è presente fin dall’epoca etrusco-romana sia ad Orvieto che nel territorio. Nel medioevo la ceramica orvietana si distinse per l’eccellente fattura e le decorazioni innovative come lo smalto e la pittura sotto vetrina. I colori predominanti erano il verde ramina, il bianco ed il nero manganese, mentre i temi principali raffigurati erano foglie, animali e figure femminili. La ceramica ad Orvieto ha vissuto momenti storici alterni tra spinte creative e periodi di scarsa attività senza mai però scomparire dalle forme di artigianato locale. Una forte impulso e valorizzazione della ceramica si deve all’orvietano, Pericle Perali che durante scavi e ricerche nei “butti” della città recuperò diversi reperti di antiche ceramiche dando nuovo impulso allo studio ed alla conoscenza delle ceramiche medievali orvietane. A lui si deve la creazione dell’arte dei Vascellari (primi anni del ‘900) che contribuì insieme all’artista Ilario Ciaurro, al definitivo rilancio di questa forma d’arte. Oggi la ceramica orvietana è ancora una delle lavorazioni artigiane presenti in città e, nelle vie del centro, si trovano numerosi negozi e botteghe dove è possibile trovare sia ceramiche tradizionali che ceramiche rivisitate in chiave moderna e soggettiva.

Articoli Correlati - Related Articles

Ficulle – Il Coccio Ficullese

wp_1255704

Orvieto – Il Merletto Orvietano

wp_1255704

Castel Viscardo – Il Cotto

wp_1255704