9.9 C
Orvieto
Dicembre 8, 2019

Il Grande anello dell’Orvietano

Località

  • Orvieto
  • Castel Giorgio
  • Castel Viscardo
  • Allerona
  • Fabro
  • Monteleone d’Orvieto
  • Montegabbione
  • San Venanzo

Tempo di visita

  • 12/15 giorni

Come muoversi

  • Percorso a piedi – mountain bike

Un percorso di ben 168 km ad anello con partenza e ritorno ad Orvieto passando per strade, sentieri e sterrati. Una proposta per gli amanti dell’escursionismo e del trekking abituati a medie e lunghe percorrenze. Questo bellissimo percorso abbraccia quasi tutti i comuni del territorio orvietano in diverse tappe che
attraversano tutte le diverse forme del paesaggio passando dall’altopiano vulcanico ai calanchi argillosi, dalle rocce arenaceo-marnose dell’alto Orvietano, ai calcari del Peglia, fino ai crateri spenti di San Venanzo e alle suggestive forre scavate dal Tevere e dai suoi affluenti. Le tappe del percorso prevedono un itinerario in senso orario, da Orvieto in direzione Ovest. Le tappe sono diverse l’una dall’altra e sono mediamente impegnative (livelli di difficoltà secondo la scala CAI “T”-“E”, quindi sentieri e percorsi turistici ed escursionistici senza mai eccedere nella difficoltà).
Il percorso dell’anello è segnalato da segnavia bianco-rossi e frecce metalliche in presenza delle intersezioni
più importanti. Non mancano, nelle varie tappe, strutture (soprattutto agriturismo e case vacanza) e per il
riposo ed il ristoro.

Tappa 1) Da Orvieto a Castel Giorgio (Distanza: 13 km – Dislivello: 550 metri), passando per la panoramica zona del Belvedere fino a raggiungere le fonti del Tione ed il castello di San Quirico in località Sugano-Canonica. Quindi, da quì si prende in direzione Castel Giorgio.

Tappa 2) Da Castel Giorgio – Monterubiaglio (Distanza: 11 km – Dislivello: 220 metri), si prosegue sulla grande piana dell’Alfina in direzione Castel Viscardo passando per il borgo di Benano fino a raggiungere il paese di Monterubiaglio.

Tappa 3) Da Monterubiaglio – Allerona (Distanza: 16 km – Dislivello: 610 metri), in direzione Allerona scalo scendendo verso il corso del fiume Paglia per poi proseguire nell’incontaminata Selva di Meana risalendo fino a lambire la strada che porta a Villa Cahen e quindi ancora per Allerona.

Tappa 4) Da Allerona a Fabro (Distanza: 13,5 km – Dislivello: 390 metri), da Allerona si scende nuovamente in una zona di campagna con calanchi e vigneti sullo sfondo verso la località Palombara e, da qui, verso nord in direzione Fabro.

Tappa 5) Da Fabro a Montegabbione (Distanza: 14,5 km – Dislivello: 400 metri), dal paese di Fabro si prende la direzione verso Borgo Santa Maria e Monteleone d’Orvieto fino a raggiungere la collinare Montegabbione,nel territorio della val di chiana umbra.

Tappa 6) Da Montegabbione a San Vito in Monte (Distanza: 23 km – Dislivello: 700 metri), questa tappa abbastanza lunga ripaga con paesaggi e scorci indimenticabili, passando dal borgo di Castel de Fiori a Montegiove dominato dal bel castello, alla misteriosa “Torre del Pofao”  ed al pittoresco abitato di San Vito a Monte, a nord del comune di San Venanzo.

Tappa 7) Da San Vito in Monte a San Venanzo (Distanza: 11 km – Dislivello: 400 metri), da San Vito si prende in direzione sud per arrivare a San Venanzo, il comune nella “terra dei vulcani” e principale centro dell’area del Monte Peglia, riserva Mab Unesco.

Tappa 8) Da San Venanzo a Ospedaletto (Distanza: 15,5 km – Dislivello: 580 metri), rimanendo in questo territorio dove si alternano colline e zone di montagna, in una zona dal grande patrimonio naturalistico e caratterizzato dalla grande biodiversità, si attraversano piccoli centri abitati rimasti “fermi nel tempo” fino ad arrivare all’ingresso del Parco dei Sette Frati.

Tappa 9) Da Ospedaletto a Prodo (Distanza: 14,5 km – Dislivello: 245 metri), questa tappa attraversa i sentieri del parco dei Sette Frati del Monte Peglia e si percorre scendendo verso Prodo passando per il panoramico Monte Piatto da dove si pare un paesaggio quasi fiabesco con il castello di Prodo ed il borgo di Titignano e, sullo sfondo, si intravedono le acque del lago di Corbara.

Tappa 10) Da Prodo a Corbara (Distanza: 11,5 km – Dislivello: 290 metri),  la discesa continua passando da un parco all’altro. Infatti da Prodo si entra nel territorio (già comune di Orvieto) segnato dal parco fluviale del Tevere passando tra gli oliveti secolari del borgo di Osa e la solitaria Villa Netti per giungere quasi sulle rive pescose del lago di Corbara.

Tappa 11) Da Corbara a Orvieto (Distanza: 20,5 km – Dislivello: 610 metri) ultima tappa del percorso inizia dal paese di Corbara, dominato dal maestoso castello e da preziosi vigneti, verso Orvieto. Si possono da qui prendere percorsi alternativi, tra cui anche quello che passa per località Pomonte e Camorena per giungere all’abitato di Ciconia, quindi oltrepassare il ponte dell’Adunata sul fiume Paglia per tornare ad Orvieto scalo e Orvieto centro.