9.2 C
Comune di Orvieto
Febbraio 27, 2021

“Innamorati di Orvieto”, a San Valentino una cartolina d’amore per invitare il Mondo a tornare a Orvieto

Un messaggio d’amore per la città, una cartolina 2.0 per invitare le persone da tutto il Mondo a tornare a visitare Orvieto e le sue meraviglie non appena sarà possibile. Per tornare a innamorarsi di Orvieto.

La seconda edizione di “Innamorati di Orvieto”, la manifestazione nata lo scorso anno per festeggiare San Valentino con il successo della “Luna nel pozzo di San Patrizio” e la serenata alla città dai balconi del centro storico, cambia pelle per via delle limitazioni imposte dall’emergenza Covid-19 ma si rinnova e si innova caricandosi di significato. 

La luna nel pozzo di San Patrizio in occasione della prima edizione di Innamorati di Orvieto

 

Domenica 14 febbraio 100 coppie di giovani e meno giovani, in rappresentanza delle varie associazioni della città, scatteranno una loro personale foto di Orvieto che tramite una app diventerà una cartolina vera e propria e verrà spedita ad altrettanti destinatari che riceveranno fisicamente a casa l’invito a tornare a visitare la città del Duomo quando sarà possibile ricominciare a viaggiare.

Con questa iniziativa l’amministrazione comunale di Orvieto lancia la collaborazione con PemCards, la start up innovativa che ha reinventato in chiave moderna la “vecchia” cartolina. Attraverso una app e un francobollo digitale è possibile infatti confezionare e inviare tramite smartphone una cartolina che viene spedita e arriva fisicamente a casa del destinatario scelto. Una cartolina “parlante” visto che, oltre al tradizionale messaggio, riporta un qr code che rimanda a un sito web. E in occasione di “Innamorati di Orvieto” farà atterrare i destinatari sul sito di promozione turistica della città e del territorio www.liveorvieto.com.

Da lunedì 8 febbraio all’esterno del pozzo di San Patrizio, nell’ambito della collaborazione con il Liceo Artistico di Orvieto per celebrare i 50 anni della nascita della scuola, sarà allestita giorno dopo giorno una particolare installazione realizzata dagli studenti che sarà visibile nella sua interezza nella giornata di domenica 14 febbraio. Tutto questo sarà raccontato giornalmente sui social network, e accompagnato da un video promo dell’evento con protagonista il vlogger Giacomo “Jack” Ghidoni.

Domenica 14 febbraio, dalle 9 alle 10, presso lo spazio esterno del pozzo di San Patrizio alle 100 coppie partecipanti (formate da congiunti e selezionate preventivamente con l’aiuto delle associazioni coinvolte) sarà distribuita la gift card con il francobollo digitale che sarà successivamente utilizzato per spedire la cartolina tramite app. L’arrivo al pozzo e il ritiro sarà scaglionato per garantire il corretto distanziamento e il rispetto del divieto di assembramenti. Dalle 10 alle 12 i partecipanti avranno il tempo per “cercare” e scattare la loro cartolina in città o anche fuori dal centro storico. Le coppie si muoveranno autonomamente e non in gruppo nel rispetto delle disposizioni anti Covid e saranno poi assistiti nell’invio della cartolina dai ragazzi di Pem Cards.

 “Chi è della nostra generazione – commenta il sindaco e assessore al Turismo, Roberta Tardani – che non ricorda di aver spedito una cartolina al fidanzato, alla famiglia, agli amici per condividere il ricordo di una vacanza o viceversa non ricorda l’emozione di averne ricevuta una? Per come l’abbiamo conosciuta noi la cartolina ha un sapore romantico che oggi, attraverso la tecnologia, possono riscoprire anche i più giovani. Per questo l’idea di lanciare la collaborazione con PemCards nel giorno di San Valentino. Lo strumento che abbiamo scelto per continuare la nostra attività di promozione della città ha diversi punti di forza. Innanzitutto – spiega – unisce la tradizione all’innovazione tecnologica, consente di personalizzare la cartolina andando oltre gli stereotipi “da cartolina” e quindi di far vedere la città sotto diversi e inediti punti di vista, ha un effetto concreto perché arrivando fisicamente a casa lascia un ricordo più persistente nel destinatario tanto che il tasso di conversione, ovvero chi poi fisicamente “atterra” sul sito riportato sulla cartolina, è molto elevato”. 

“In questa prima fase – aggiunge il sindaco – coinvolgiamo gli orvietani e le associazioni della città, che per quello che fanno sono per definizione innamorate di Orvieto, e continuiamo ad amplificare il messaggio lanciato con la campagna di promozione post lockdown che ha visto i nostri cittadini protagonisti. Ma l’obiettivo è quello di legare questo strumento ai vari eventi che auspicabilmente si terranno in città nel corso dell’anno dando l’opportunità ai turisti che arriveranno di trovare in punti prestabiliti questo francobollo digitale con cui spedire la loro cartolina da Orvieto”.

 “Purtroppo quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria Covid – conclude – con Innamorati di Orvieto non abbiamo potuto ripetere le fortunate iniziative del febbraio scorso ne tantomeno estenderle, come era nei programmi, al resto dei sotterranei della città con eventi a tema. Ma questo appuntamento simbolico e carico di significato ci consentirà comunque di continuare a promuovere la città in vista della auspicabile ripresa del turismo”.

Cos’è Pem Cards?

Pemcards, un’app sugli store iOS e Android, è un progetto innovativo della start up toscana Emotion srl. “L’obiettivo dell’azienda? Riproporre le vecchie cartoline in una veste nuova – spiegano i fondatori Andrea Gambini e Geni Bigliazzi – trasformando residenti e viaggiatori nei migliori Ambassador delle destinazioni e la cartolina postale in uno strumento di marketing capace di sorprendere, coinvolgere ed emozionare. E di generare conversioni”. 

L’app permette alle persone di scegliere una propria foto, aggiungere un messaggio e spedirla come vera cartolina postale, direttamente dal proprio smartphone. La startup si occuperà di stampare tutte le Pemcards create in app, aggiungere ad ogni cartolina un banner con informazioni legate alla destinazione e spedirle: sono i postini in tutto il mondo a consegnarle. 

“Quando la cartolina arriva a casa – proseguono – regala un’emozione incredibile e il banner sulle Pemcards presenta e suggerisce al destinatario chi contattare per rivivere l’esperienza di chi gli ha mandato la cartolina.  Immaginate la scena: siete a Orvieto, uno dei luoghi più suggestivi al mondo. Vi scattate una foto tra gli scorci del borgo o all’interno del pozzo di San Patrizio e la inviate agli amici con un messaggio personalizzato. Sulla cartolina che riceveranno, invece di una delle tante immagini splendide ma un po’ impersonali (“da cartolina”, appunto), gli amici troveranno voi. Sul retro, invece, ci sarà il logo di Live Orvieto, con i contatti, il link al sito e anche informazioni o promozioni su misura”.

Pem sta per “Pick the emotion”: una sorta di “cogli l’attimo” moderno in formato brand. Cards, ovviamente, richiama le cartoline postali tradizionali.

Con Pemcards le persone sono protagoniste: chi invia la cartolina nel bel mezzo di un evento o di un’esperienza, ma anche chi la riceve, si rende conto che quel rettangolo di carta è pensato solo per lui o per lei. Due emozioni diverse, un unico momento da condividere: in mezzo, l’azienda che lo ha reso possibile.

Il progetto Pemcards, oltre ad essere innovativo, è attento all’ambiente: le cartoline sono stampate su carta approvata dal FSC – Forest Stewardship Council, l’organizzazione internazionale che certifica la gestione sostenibile delle foreste. Inoltre, ogni mille cartoline spedite la squadra di Pemcards pianta un albero nel Mondo.

Per approfondimenti  www.pemcards.com