9.2 C
Orvieto
Novembre 13, 2019

Monaco Graziano

Monaco Graziano, apparteneva all’ordine monastico dei Camaldolesi presso la Badia di San Niccolò al Monte Orvietano (abbatiae Montis Orbetani diocesis Urbevetanae), abbazia fortificata situata nel vallata del fiume Chiani nel Comune di Ficulle.

Egli è universalmente ritenuto il giurista ispiratore e fondatore del  diritto canonico, autore del Concordia discordantium canonum,  nota anche come Decretum Gratiani.

L’opera, è un raggruppamento di canoni e decretali scelti con tecniche ermeneutiche con cui si mette ordine in oltre un millennio di canoni discordanti di storia della Chiesa. Con esso si passa dal diritto canonico come sistema di fonti legislative, al diritto canonico  inteso come scienza nuova e autonoma, dove, con l’introduzione di commenti che illuminano e spiegano la norma, vengono eliminate le aporie e le contraddizioni.

Il Decretum conobbe un successo straordinario ed ebbe un’applicazione rigorosa in tutta l’Europa cristiana sia ai fini dell’insegnamento nelle scuole di arti liberali (come opera didattico-dottrinale), sia ai fini pratico-forensi nelle corti ecclesiastiche, le quali nel medioevo avevano talvolta giurisdizione anche civile.

Con questo codice, applicato sia nei tribunali ecclesiastici che nella giurisdizione civile, ha inizio così l’inarrestabile processo che porterà alla totale separazione tra diritto e teologia nel mondo occidentale.

Il Decretum ancor oggi è un documento centrale e oggetto di studio, ritenuto alla base dell’odierno Diritto Comune Europeo, portando così a celebrare il suo autore, il Monaco Graziano, come una figura di capitale importanza per lo studio e lo svolgersi di tutta la scienza giuridica.