13.5 C
Orvieto
September 29, 2020

Il Duomo di Orvieto

Orari Duomo - Cappella di San Brizio

Giorni feriali

Novembre-Febbraio  9.30 – 17.00

Marzo-Ottobre  9.30 – 18.00

Aprile-Settembre  9.30-19.00

Domenica e festivi

Novembre-Febbraio  13.00 – 16.30

Marzo-Ottobre  13.00 – 17.30

Contatti

Indirizzo:
Piazza Duomo, 26 – Orvieto (TR)

Telefono:
+39 0763.3441167

E-mail:
opsm@opsm.it

Biglietto Duomo + Cappella di San Brizio

5.00 € intero

Continuando, verrai reinderizzato su un sito esterno dove potrai concludere la prenotazione.

Biglietti

biglietto unico

5,00 €

minori di 10 anni

gratuito

insegnanti accompagnatori, disabili e accompagnatori con certificazione

gratuito

giornalisti con tesserino, religiosi e religiose

gratuito

Definito “il giglio d’oro delle cattedrali” il Duomo di Orvieto è una delle più belle espressioni architettoniche in stile gotico-romanico d’Italia. La sua costruzione fu avviata nel 1290 e tra i vari motivi (politici, urbanistici, sociali, artistici) legati ad essa, la tradizione vuole la costruzione del Duomo dovuta al miracolo Eucaristico avvenuto a Bolsena nel 1263. Il primo progetto del disegno della facciata del Duomo è probabilmente da attribuire ad Arnolfo di Cambio al quale seguì dopo circa vent’anni Lorenzo Maitani. A quest’ultimo si deve per lo più l’immagine del Duomo attuale poichè anche i suoi successori seguirono il modello e le indicazioni del maestro senese.La facciata del Duomo è impreziosita dai bassorilievi alla base delle quattro guglie, dai luminosi mosaici dorati e dal bellissimo rosone al centro, capolavoro di Andrea di Cione detto l’Orcagna. I bassorilievi  raffigurano scene del vecchio e del nuovo Testamento (Genesi, Albero di Jesse, Episodi della vita di Gesù e Giudizio Universale) mentre i mosaici raccontano scene di vita di Maria (la cattedrale infatti è dedicata a Santa Maria Assunta in Cielo) dall’Assunzione in cielo, alla Natività della Vergine, dall’Annunicazione all’Incoronazione.

La presenza centrale della Vergine è rappresentata anche dalla scultura in bronzo posta sopra il portale centrale mentre le altre statue, sempre in bronzo, rappresentano simbolicamente i 4 Evangelisti: l’ Angelo (San Matteo), il Leone (San Marco), l’Aquila (San Giovanni) il Toro (San Luca).

L’interno della cattedrale ha uno stile sobrio illuminato dal rosone e dalla grande vetrata posta dietro l’altare. All’ingresso si apprezzano una grande acquasantiera in marmo, la fonte battesimale e, sul lato sinistro, la Madonna in trono con Bambino e Angeli di Gentile da Fabriano (1425). Ai lati dell’altare si aprono le due cappelle: quella del Corporale e quella Nova (o della Madonna di San Brizio).

La Cappella del Corporale con gli affreschi opera di Ugolino di Prete Ilario (1356 – 1364) raffigurano scene bibliche e rappresentazioni sacre come la Crocifissione e l’Eucarestia. Sono presenti altre opere pittoriche di pregio come la tavola dipinta raffigurante la “Madonna dei Raccomandati” di Lippo Memmi (datata 1320). Sempre in questa cappella è custodito ed esposto il Tabernacolo del Corporale. Sopra l’ingresso della cappella del Corporale si trova l’organo monumentale disegnato e scolpito da Ippolito Scalza mentre sempre ad opera dello stesso Scalza è l’opera scultorea della Pietà (o Deposizione).

La Cappella di San Brizio con le pareti e le volte affrescate da Luca Signorelli (iniziando i lavori nel 1499 e terminando nel 1504), è un  capolavoro dell pittore cortonese che rappresenta magistralmente  il tema del Giudizio Universale, in un alternarsi di scene apocalittiche e di redenzione. Il tema e le raffigurazioni create dal Signorelli furono di ispirazione per Michelangelo nella realizzazione degli affreschi della celebre Cappella Sistina.

Ai lati dell’altare di recente sono state ricollocate le statue dell’Annunciazione di Francesco Mochi. Un capolavoro della scultura del seicento che rappresenta l’Angelo Annunciante (1603) e la Vergine Annunciata (1608). La statua dell’Angelo è considerata la prima scultura barocca della storia.

Abbiamo lavorato per
accogliervi in sicurezza

Dipendentemente dal monumento, l’ingresso è consentito a un numero limitato di persone ogni ora, solo con prenotazione online.

Grazie ai termoscanner, rileviamo istantaneamente la temperatura corporea.

Il percorso è a senso unico e alcune aree sono temporaneamente chiuse per assicurare il distanziamento.

Sono stati distribuiti in diversi punti erogatori di gel disinfettante.

La segnaletica appositamente predisposta aiuta a mantenere il distanziamento fisico, fornendo le indicazioni del massimo numero di persone in ogni area.

Il personale di vigilanza indossa i dispositivi di protezione previsti per la visita.

Gli spazi vengono regolarmente sanificati.

The Duomo

Timetables

Weekdays

November-February
9.30am – 5.00pm

March-October
9.30am – 6.00pm

April-September
9.30-19.00

Sunday and holidays

November-February
13.00 – 16.30

March-October
13.00 – 17.30

Contatti

Indirizzo:

Piazza Duomo, 26 – Orvieto (TR)

Telefono:

+39 0763.3441167

E-mail:

opsm@opsm.it

Biglietto Duomo + Cappella di San Brizio

5.00 € full

Tickets

standard ticket

5.00 €

under 10 yo

free

accompanying, disabled and certified teachers

free

journalists with badge, men and women religious

free

Definito “il giglio d’oro delle cattedrali” il Duomo di Orvieto è una delle più belle espressioni architettoniche in stile gotico-romanico d’Italia. La sua costruzione fu avviata nel 1290 e tra i vari motivi (politici, urbanistici, sociali, artistici) legati ad essa, la tradizione vuole la costruzione del Duomo dovuta al miracolo Eucaristico avvenuto a Bolsena nel 1263. Il primo progetto del disegno della facciata del Duomo è probabilmente da attribuire ad Arnolfo di Cambio al quale seguì dopo circa vent’anni Lorenzo Maitani. A quest’ultimo si deve per lo più l’immagine del Duomo attuale poichè anche i suoi successori seguirono il modello e le indicazioni del maestro senese.La facciata del Duomo è impreziosita dai bassorilievi alla base delle quattro guglie, dai luminosi mosaici dorati e dal bellissimo rosone al centro, capolavoro di Andrea di Cione detto l’Orcagna. I bassorilievi  raffigurano scene del vecchio e del nuovo Testamento (Genesi, Albero di Jesse, Episodi della vita di Gesù e Giudizio Universale) mentre i mosaici raccontano scene di vita di Maria (la cattedrale infatti è dedicata a Santa Maria Assunta in Cielo) dall’Assunzione in cielo, alla Natività della Vergine, dall’Annunicazione all’Incoronazione.

La presenza centrale della Vergine è rappresentata anche dalla scultura in bronzo posta sopra il portale centrale mentre le altre statue, sempre in bronzo, rappresentano simbolicamente i 4 Evangelisti: l’ Angelo (San Matteo), il Leone (San Marco), l’Aquila (San Giovanni) il Toro (San Luca).

L’interno della cattedrale ha uno stile sobrio illuminato dal rosone e dalla grande vetrata posta dietro l’altare. All’ingresso si apprezzano una grande acquasantiera in marmo, la fonte battesimale e, sul lato sinistro, la Madonna in trono con Bambino e Angeli di Gentile da Fabriano (1425). Ai lati dell’altare si aprono le due cappelle: quella del Corporale e quella Nova (o della Madonna di San Brizio).

La Cappella del Corporale con gli affreschi opera di Ugolino di Prete Ilario (1356 – 1364) raffigurano scene bibliche e rappresentazioni sacre come la Crocifissione e l’Eucarestia. Sono presenti altre opere pittoriche di pregio come la tavola dipinta raffigurante la “Madonna dei Raccomandati” di Lippo Memmi (datata 1320). Sempre in questa cappella è custodito ed esposto il Tabernacolo del Corporale. Sopra l’ingresso della cappella del Corporale si trova l’organo monumentale disegnato e scolpito da Ippolito Scalza mentre sempre ad opera dello stesso Scalza è l’opera scultorea della Pietà (o Deposizione).

La Cappella di San Brizio con le pareti e le volte affrescate da Luca Signorelli (iniziando i lavori nel 1499 e terminando nel 1504), è un  capolavoro dell pittore cortonese che rappresenta magistralmente  il tema del Giudizio Universale, in un alternarsi di scene apocalittiche e di redenzione. Il tema e le raffigurazioni create dal Signorelli furono di ispirazione per Michelangelo nella realizzazione degli affreschi della celebre Cappella Sistina.

Ai lati dell’altare di recente sono state ricollocate le statue dell’Annunciazione di Francesco Mochi. Un capolavoro della scultura del seicento che rappresenta l’Angelo Annunciante (1603) e la Vergine Annunciata (1608). La statua dell’Angelo è considerata la prima scultura barocca della storia.

We worked for
welcome you safely

Depending on the monument, entry is allowed to a limited number of people every hour, only with online booking.

Thanks to thermoscanners, we instantly detect body temperature.

The path is one-way and some areas are temporarily closed to ensure spacing.

Disinfectant gel dispensers have been distributed in several places.

The specially prepared signage helps maintain physical distance, providing indications of the maximum number of people in each area.

The security staff wears the protective equipment provided for the visit.

The spaces are regularly sanitized.