Image default

Orvieto – Museo dell’Opera del Duomo

Contatti

Indirizzo: Piazza Duomo,  Palazzi papali e Palazzo Soliano – Orvieto (TR)
Piazza San Giovenale 7 (ex chiesa di Sant’Agostino)
Telefono: (+39) 0763.343592
E-mail: biglietteria@operadelduomo.it

Orari e Biglietti

Novembre-Febbraio (lunedi chiuso) 9.30 – 17.00
Marzo-Ottobre 9.30 – 18.00
Aprile-Settembre 9.30 – 19.00


Biglietto Duomo + cappella di San Brizio: € 4,00
Biglietto Unico: Duomo + cappella di San Brizio + Museo: € 5,00
Ingressi gratuiti: diversamente abili, accompagnatori e insegnanti, giornalisti, residenti diocesi Orvieto-Todi

Il Museo dell’Opera del Duomo di Orvieto (M.O.D.O) ha sede negli antichi palazzi papali a fianco della cattedrale di Orvieto. Il museo espone sculture e opere pittoriche di grande pregio alcune delle quali facenti parte del “corredo” del Duomo. Di grande rilievo sono anche preziosi oggetti di arte orafa ed arredi sacri anch’essi provenienti dalla cattedrale.
Attraverso le diverse sedi del museo si ha una conoscenza approfondita sulla storia della città e sul Duomo. La raccolta più importante si trova all’interno dei palazzi papali, attigui alla cattedrale.
Il percorso museale all’interno dei palazzi papali si compone al piano terra della Galleria degli Affreschi con
dipinti murali del XIV e XV secolo;  al primo piano si trovano la Sala della Maestà e le Stanze delle
Meraviglie. Qui si trova il gruppo scultoreo trecentesco originale della Madonna in trono con Bambino ed Angeli con opere di pregio dei più autorevoli artisti del passato da Coppo di Marcovaldo, Arnolfo di Cambio, Simone Martini, Luca Signorelli e Niccolò Circignani.
Infine la Sala delle Sinopie, dove è possibile ammirare bozzetti preparatori degli affreschi della Cappella del Corporale, preziose oreficerie e sculture di vario genere.

Situata tra la Cattedrale ed i Palazzi Papali, merita davvero una visita la Libreria Albèri, un prestigioso
raffinato ambiente dalle pareti affrescate realizzato nel 1499 per ospitare la preziosa dotazione libraria del
vescovo Antonio Albèri (1423 ca- 1505) che consisteva in manoscritti e documenti per un totale di oltre 300 volumi, che il vescovo lasciò in eredità all’Opera del Duomo.

Sempre in Piazza Duomo al piano terra del nobile Palazzo Soliano, il museo d’arte moderna Emilio Greco ospita una collezione di 32 sculture in bronzo e 60 opere grafiche (litografie, disegni e acqueforti) dell’artista siciliano Emilio Greco al quale si devono anche le sculture delle porte in bronzo del Duomo.

Infine parte del circuito museale è la duecentesca ex chiesa del convento di Sant’Agostino, (sede distaccata insieme alla chiesa dei S.S. Apostoli) al cui interno sono in esposte le statue degli Apostoli e Santi realizzati su modello di vari artisti, tra cui il Giambologna e Ippolito Scalza, statue che erano inizialmente poste all’interno del Duomo (precisamente alla base delle colonne) e che poi furono rimosse dalla cattedrale alla fine del XIX secolo.

profile pic url
198,6k Followers
Follow